Dalla stima tra 4 e 6 milioni il dipinto ritrovato in una casa a Compiegne è stato battuto al prezzo record dal gallerista di old master di alta epoca Fabrizio Moretti per un collezionista

Una scoperta e un record d’asta. Il “Cristo deriso” di Cimabue, opera attribuita al maestro di Giotto, ritrovata casualmente in una casa vicina alla cittadina di Compiegne, ha segnato il record d’asta per un’opera precedente al 1500. La tavola dipinta, valutata fra i 4 e i 6 milioni di euro, messa all’asta domenica 27 ottobre a Senlis, a nord di Parigi, dalla casa Acteon ha moltiplicato le stime fino a raggiungere i 24.180.000 euro. Alla casa d’asta è stato affidato il dipinto su tavola di pioppo da una famiglia, che lo teneva appeso su una parete tra la sala da pranzo e la cucina. Ad aggiudicarselo, concorrendo almeno con altri sei bidder tra cui una galleria d’arte contemporanea, il mercante d’arte di alta epoca Fabrizio Moretti, attraverso un suo operatore, per un collezionista. «È una delle più importanti scoperte fatte tra gli old master negli ultimi 15 anni. Cimabue è l’inizio di tutto, da qui inizia l’arte moderna. Quando ho avuto la foto tra le mani ho quasi pianto» ha dichiarato il gallerista al The New York Times e ha aggiunto che l’attribuzione a Cimabue – attivo tra il 1272 e il 1302 – era certa e anche il prezzo alto ma giusto. La condizioni della tavola sono eccellenti, dichiarano dalla casa d’asta. Ad Arteconomy24 il mercante ha dichiarato: «A settembre lo avevo visto e pensavo non venisse portato in un’asta pubblica, poi ho visto l’annuncio dell’incanto e mi sono interessato alla vendita ed ero pronto a compralo anche a un prezzo molto più alto. Un cliente molto importante mi ha chiesto di acquistarlo, ho fatto un passo indietro e ho agito per conto terzi. Il collezionista si è arricchito di un unicum straordinario a meno che ne vengano fuori gli altri pannelli di cui c’è notizia…». I proprietari pensavano fosse una icona russa, invece potrebbe essere arrivato in Francia nel’800. E il prezzo? «Oggi vale già tre volte la cifra pagata – conclude Moretti – questo mercato è rarefatto e se il “Salvator Mundi” è passato a 450 milioni di dollari questo Cimabue per 24 milioni di euro è un regalo». Moretti assicura che l’opera entra in una collezione privata, di cui non fa disclosure, ma rassicura lo vedremo ancora il collezionista è una persona generosa e lo metterà a disposizione della comunità». Unica perplessità: «Peccato che l’Italia non abbia neanche fatto il gesto di proporsi per l’acquisto, certo la cifra è importante e il nostro paese non ha bisogno di un altro dipinto, ma intellettualmente l’interessamento avrebbe fatto onore ai nostri storici dell’arte» conclude Moretti mentre corre in taxi verso la prossima intervista.
Il prezzo ero pronto comprarlo

La storia
Il “Cristo deriso”, dipinto ad uovo su fondo d’oro di piccole dimensioni (24,6 x 19,6 cm), è uno degli elementi di un dittico del 1280 in cui erano rappresentati su otto pannelli delle scene della Passione, di cui sono noti la “Flagellazione di Cristo” (Frick Collection a New York) e “La Vergine col Bambino con due angeli” (National Gallery, Londra). La Frick acquistò il suo Cimabue nel 1950. La “Vergine col Bambino” doveva essere messa all’asta da Sotheby’s nel 2000, ma fu venduta alla National Gallery in trattativa privata per circa 7,2 milioni di sterline. Scoperto in una casa nel Suffolk, nell’Inghilterra orientale, secondo Artnet era stato stimato 10 milioni di sterline.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *