Un  marchio  giovane  dello  streetwear  collabora  con  uno  storico  produttore  di pasta. Italianissimi entrambi. Uno eccentrico e l’altro fedele alla tradizione, in fatto di stile ma anche di famiglie. Nascono una collezione e un packaging audace.

Sono lontani i tempi dell’affaire Guido Barilla, patron del colosso alimentare italiano, con un’ampia fetta di mercato negli USA. Gli era costata cara nel 2013 una dichiarazione sugli spot aziendali, di taglio volutamente tradizionale, in cui l’inserimento di famiglie omosessuali non era previsto. La frase – che probabilmente omofoba non voleva essere, ma che svelava in modo goffo una strategia di marketing rassicurante e old style, in linea con la storia del prodotto – venne  letta  come  un  attacco  al  mondo  lbgt. E  scoppiò  il  putiferio.  Partì  un  boicottaggio  epocale e Barilla pagò quell’uscita  maldestra  con  un  calo  di  vendite  internazionale  e un  danno d’immagine notevole. Infine giunsero le scuse tramite un mesto videoclip.

GIOVANE, STREET E INCLUSIVA.

UNA COMUNICAZIONE NUOVA

Di  spot  Barilla  con  famiglie  alternative,  a  dire  il  vero,  ancora  nessuna traccia.  Ma il progetto di comunicazione appena lanciato col marchio di streetwear GCDS (acronimo di  God Can’t Destroy Streetwear)  pare proprio puntare su un taglio open-minded e su  un generale svecchiamento. Assecondando così le attitudini e le  istanze  di inclusività delle nuove  generazioni: il mondo che ci si aspetta di ritrovare nelle pubblicità è aperto, dinamico, plurale, libero dal pregiudizio.
Un marchio italiano, GCDS, simbolo di un made in Italy che guarda alle piazze multiculturali ed energiche di Milano, Londra, Berlino e che punta a un target giovanissimo.Tutti capi tecnici, casual, ironici, oversize e unisex, tra grafiche pop, pellicce  sintetiche  stampate,   maxi-loghi  e  colori accesi, evocando il mondo del clubbing, della trap, di estrosi bohèmien metropolitani. E sono la strada, il divertimento, l’apertura alle diversità e un’idea di ricercatezza eccentrica a farsi stile e linguaggio.

https://www.artribune.com/progettazione/moda/2019/05/gcds-rifa-il-look-a-barilla-pasta-e-moda-svecchiando-limmagine-dello-storico-marchio/

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *